Rashid il Giusto e Bahlul il folle

Bahlul Dana (che Dio benedica il suo segreto) visse sotto il regno del Califfo Harun al-Rashid il Giusto ed era uno studente di Imam Jafar as-Sadiq (as). Il suo nome era Wahab bin Amr. Era un giudice (Qadi) molto conosciuto, un insegnante per molte persone ed era benestante. Era uno dei più rinomati Sufi della sua epoca. Era anche il fratello (secondo altre fonti il cugino) del Califfo Harun al-Rashid. Continua a leggere

Annunci

Il fuoco dell’inferno

Derwish

 

Bahlul Dana (che Dio benedica il suo segreto) visse sotto il regno del Califfo Harun al-Rashid ed era uno studente di Imam Jafar as-Sadiq (as). Il suo nome era Wahab bin Amr. Era un giudice (Qadi) molto conosciuto, un insegnante per molte persone ed era benestante. Era uno dei più rinomati Sufi della sua epoca. Era anche il fratello del Califfo Harun al-Rashid.

Una volta i due si incontrarono per la strada. “Da dove vieni, Bahlul?”, domandò il Califfo.

“Dritto dritto dall’inferno”, fu la pronta risposta.

“E che cosa ci facevi li?”

Bahlul spiegò: “C’era bisogno di fuoco, Signore, e allora ho pensato di andare nell’Inferno per vedere se me ne potevano dare un po’…, Il tipo che comandava però mi ha detto, ‘Non abbiamo fuoco qui’. ‘Ma come l’inferno non è il posto del fuoco?’ gli ho chiesto, ‘Si, ma ti ripeto che qui non c’è fuoco che ti possiamo dare. Ogni nuova persona si porta il proprio fuoco quando arriva.’ ”