Il pappagallo e il derviscio

arrabbiato1-660x330

 

C’era una volta un fruttivendolo che aveva un pappagallo. Era questi un pappagallo parlante, verde e con una voce molto dolce.

Il pappagallo stava tutto il giorno seduto sul bancone del negozio e parlava gentilmente con ogni cliente Continua a leggere

Il grammatico e il derviscio

 

In una notte senza luna un derviscio, passando vicino a un pozzo prosciugato, sentì un grido: una voce cavernosa chiedeva aiuto.

“Chi c’è laggiù?”, chiese il derviscio, sporgendosi. Continua a leggere

Il derviscio che camminava sull’acqua

 

Un giorno un derviscio dalla mentalità convenzionale, prodotto di un’austera scuola religiosa, stava passeggiando lungo un corso d’acqua, completamente assorto in problemi teologici e morali, perché quella era la forma che l’insegnamento sufi aveva assunto nella comunità cui apparteneva.
Per lui la religione emotiva corrispondeva alla ricerca della Verità Suprema. Continua a leggere

Le due vie

Un derviscio era seduto al bordo della strada, quando un cortigiano altezzoso col suo seguito passó di lí

e lo percosse col suo bastone gridando:

“Fai largo, tu povero relitto” Continua a leggere

Bayazid e l’egoista

 

Un giorno un uomo andò da Bayazid, il grande mistico del IX secolo, per rimproverarlo.

Gli disse di aver digiunato, pregato e fatto tante altre cose ancora per trent’anni, senza trovare la gioia di cui Bayazid parlava.

Bayazid gli rispose che, anche se avesse continuato così per altri trecento anni, non l’avrebbe trovata in ogni caso. Continua a leggere

Il nome di Dio e l’istinto di vendetta

 

 

Un derviscio si mise in viaggio verso un lontano paese dove viveva un vecchio maestro sufi che conosceva il Supremo Nome di Dio (grazie al quale si possono compiere grandi miracoli).

Dopo lunghi mesi di duro cammino, giunse finalmente a destinazione, con la barba lunga, le calzature sfilacciate e il mantello logoro e impolverato.

«Dimmi, perché hai affrontato un viaggio così lungo per farmi visita?», chiese il vecchio sufi.

«So che conosci il Supremo Nome di Dio. E vorrei che lo insegnassi anche a me!», rispose il derviscio. Continua a leggere