• Commenti recenti

    Claudia Sanaa su Quale dei due
    Daniele su Tutto ció che ha un inizio, ha…
    mauro uras su Guinea Equatoriale, il perché…
    robertino su Guinea Equatoriale, il perché…
    Stefano su Il Ladro
    mcc43 su L’acqua del Paradiso
  • RSS Cosa c’é in rete

    • La Repubblica fondata sulla trattativa Stato - mafia, di Petra Reski
      L'intervista esclusiva05:00 Intervista esclusiva alla giornalista e scrittrice tedesca Petra Reski che ci parla di Mafia. La Reski fa nomi e cognomi come quello di Marcello Dell’Utri. Durissimo l’attacco della giornalista contro il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Una profonda riflessione sulla percezione del fenomeno Mafia fuori dai conf […]
    • Risorse Internet dedicate alla Stazione Spaziale Internazionale
      Questo articolo vi arriva grazie alla gentile donazione di “chihiro80”.Visto che le uso frequentemente e mi vengono richieste altrettanto frequentemente, riassumo qui le principali risorse online che conosco relative alla Stazione Spaziale Internazionale. Se ne conoscete qualcuna che manca, segnalatemela nei commenti. Le immagini sono cliccabili per ingrandi […]
    • OS X, cambiare il formato degli screenshot da PNG a JPG
      Lo scrivo qui così può essere utile anche ad altri: il formato di default degli screenshot in OS X, incluso Yosemite, è PNG. Utile per avere la massima qualità, ma pesante per la pubblicazione online.Per cambiare il formato da PNG a JPG per tutti gli screenshot fatti con le combinazioni di tasti Comando-Shift-3, Comando-Shift-4 e simili bastano due comandi a […]
    • Dittatura con la vaselina #governovaselina
      Vacciano, portavoce M5S, in Senato: ''La fiducia su Topolino"03:00 Votare di notte come i ladri con un presidente del Senato senza dignità un testo con parti addirittura mancanti. Ieri notte e' andata in onda l'ennesima pagliacciata di una repubblica in mano a golpisti e tangentari. Il parlamento va sciolto e bisogna andare a nuove e […]
    • #PolettiDimettiti subito!
      "Non sono solo foto, quelle in cui il braccio imprenditoriale della mafia capitale, Salvatore Buzzi, viene ritratto insieme al ministro del Lavoro, Giuliano Poletti. C'è un appalto. La cooperativa di Buzzi, al centro dello scandalo romano, si occupa delle pulizie del ministero di Poletti. Cinque mesi fa è subentrata a un'altra cooperativa, di […]

L’uomo dalla vita inspiegabile

C’era una volta un uomo di nome Mojud, che viveva in una città dove occupava un posto di piccolo funzionario, e aveva tutte le probabilità di finire i suoi giorni come Ispettore dei Pesi e Misure.
Un giorno, mentre passeggiava nei giardini di un vecchio edificio vicino a casa sua, Khidr – la misteriosa guida dei sufi – gli apparve avvolto in un manto verde scintillante e gli disse: “Uomo dal brillante avvenire! Lascia il tuo lavoro. Ti do appuntamento fra tre giorni in riva al fiume”. Poi scomparve.
Tutto trepidante, Mojud andò dal suo superiore e gli annunciò che doveva partire. Presto la notizia si sparse in tutta la città. Tutti dicevano: “Povero Mojud! È diventato matto”. Tuttavia, dato che c’erano molti candidati al suo posto, finirono ben presto per dimenticarsi di lui.
Il giorno stabilito, Mojud incontrò Khidr, che gli disse: “Strappati i vestiti e buttati nel fiume. Forse qualcuno ti salverà”. Mojud ubbidì, chiedendosi se non fosse diventato pazzo.
Dato che sapeva nuotare, non annegò, ma andò alla deriva per un po’ di tempo, prima di essere tratto in salvo da un pescatore. Mentre questi lo caricava sulla sua barca, gli gridò: “Uomo insensato! La corrente è molto forte da queste parti. Che diavolo stavi cercando di fare?”. “In verità, non lo so”, rispose Mojud.
“Sei pazzo!”, disse il pescatore; “ti ospiterò egualmente nella mia capanna in riva al fiume e poi vedremo che si può fare per tè”.
Quando si rese conto che Mojud era raffinato nel parlare, si fece insegnare a leggere e a scrivere. In cambio, il pescatore provvide al sostentamento di Mojud, che lo aiutò nel suo lavoro. Alcuni mesi dopo, Khidr apparve di nuovo, questa volta ai piedi del letto di Mojud, e gli disse; “Ora alzati e lascia questo pescatore. Non ti mancherà nulla”.
Mojud lasciò immediatamente la capanna vestito da pescatore e camminò senza meta finché non giunse a una strada maestra. Allo spuntar dell’alba vide un contadino sul dorso di un asino che andava al mercato. “Cerchi lavoro?”, gli chiese il contadino, “perché ho bisogno di un uomo che mi aiuti a portare qualche provvista”.
Mojud lo seguì. Lavorò al servizio del contadino per quasi due anni, durante i quali imparò molto sull’agricoltura, ma quasi nulla su altre cose.
Un pomeriggio, mentre stava confezionando delle balle di lana, Khidr gli apparve: “Lascia questo lavoro, cammina fino alla città di Mossul e con i tuoi risparmi stabilisciti come mercante di pelli”. Mojud ubbidì.
A Mossul divenne presto un apprezzato mercante di pelli, e passarono tre anni durante i quali esercitò il suo mestiere senza mai vedere Khidr. Aveva messo da parte una considerevole somma di denaro e progettava già di comprare una casa, quando Khidr gli apparve dicendo: “Dammi il tuo denaro, lascia questa città e incamminati verso la lontana Samarcanda, dove lavorerai per un droghiere”. Ed è ciò che Mojud fece.
Poco tempo dopo cominciò a manifestare inconfondibili segni di illuminazione. Guariva i malati e si prodigava in cure e in consigli, sia al negozio che durante il tempo libero. La sua conoscenza dei misteri aumentava di giorno in giorno.
Andavano a trovarlo funzionari, filosofi, e molti altri ancora, e gli chiedevano: “Con chi hai studiato?”. “È difficile dirlo”, rispondeva Mojud.
I suoi discepoli gli chiedevano: “Come hai iniziato la tua carriera?”. “Come semplice funzionario”.
“E hai abbandonato il tuo lavoro per dedicarti all’automortificazione? “. “No, ho semplicemente abbandonato il mio lavoro”. Gli altri non capivano.
Alcuni lo avvicinavano perché volevano scrivere la sua biografia. “Che hai fatto nella vita?”, gli chiedevano. “Mi sono buttato in un fiume, sono diventato pescatore, poi ho lasciato la capanna nel bei mezzo di una notte. Dopodiché sono diventato contadino Mentre stavo facendo delle balle di lana ho cambiato i miei programmi e sono partito per Mossul, dove sono diventato un mercante di pelli. Ho messo da parte dei soldi che poi ho dato via. In seguito sono andato a piedi a Samarcanda, dove sono entrato a servizio di un droghiere, dal quale mi trovo tuttora”.
“Ma questo strano comportamento non spiega affatto le tue doti straordinarie e la tua condotta esemplare”, dicevano i biografi. “È vero”, rispose Mojud.

* * *

E fu così che per Mojud i biografi inventarono di sana pianta una storia appassionante e prodigiosa, perché tutti i santi devono avere un’agiografia che deve essere conforme all’avidità del pubblico, e non alla realtà della vita. E nessuno ha il diritto di parlare direttamente di Khidr. Ecco perché questa storia non è vera. È la rappresentazione di una vita. È la vera vita di uno dei più grandi Sufi. Lo sceicco Ali Farmadhi (morto nel 1078 ) sottolineava l’importanza di questa storia, che illustra la credenza sufi secondo cui il “mondo invisibile” interpenetra in tutti i tempi e in vari luoghi la realtà ordinaria.
Egli dice che quanto consideriamo inspiegabile, in realtà è dovuto a questo intervento. Inoltre, la gente non riconosce la partecipazione di quel ‘mondo’ al nostro perché crede di conoscere la vera causa degli eventi. Di fatto, non la conosce. È solo quando riesce a tener presente la possibilità che un’altra dimensione influenzi talvolta le esperienze ordinarie, che questa dimensione può diventarle accessibile.
Lo sceicco è il decimo sceicco e maestro insegnante dei Khwajagan (i ‘Maestri’), che in seguito presero il nome di Naqshbandi.
Questa versione è tratta da un manoscritto del xv° secolo, di Lala Anwar, Hikayat-i-Abdalan (Storie di trasformati).

 

Sheikh Nazim, quarantesimo Maestro e Sceicco Naqshibandi

Sheikh Nazim, quarantesimo Maestro e Sceicco Naqshibandi

Una Risposta

  1. Vorrei raccontarvi una storia di una realtà invisibile
    che lega strettamente la Santa Casa di Nazareth e
    la Kaaba di La Mecca.
    Scrivetemi presto e ditemi come posso allegare files!
    grazie
    Alfonso Rubino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: